11 maggio 2018

Caso Weinstein, parla la moglie: “Non sapevo niente”

Georgina Chapman ha rivissuto in un'intervista con Vogue il periodo successivo all'esplosione dello scandalo molestie

 

In tanti hanno parlato dello scandalo delle molestie sessuali partito con il caso, anzi i molti casi, di Harvey Weinstein. Adesso è il turno della moglie del controverso produttore, Georgina Chapman, e le sue dichiarazioni in queste ore stanno facendo discutere parecchio. L'attrice e costumista inglese, tra le co-fondatrici del marchio di moda Marchesa, sostiene di essere sempre stata all'oscuro di tutto.

 

In un'intervista rilasciata a Vogue, la Chapman ha raccontato: “Ero umiliata e pensavo che non fosse rispettoso uscire. Ho pensato: chi sono io per farmi vedere in giro mentre accade tutto questo? Ho momenti di rabbia. Ho momenti di confusione. Ho momenti di incredulità”.

 

La donna, che dopo l'esplosione dello scandalo molestie ha chiesto il divorzio da Harvey Weinstein, ha dichiarato di piangere spesso quando pensa ai suoi figli: “Come saranno le loro vite? Cosa dirà loro la gente? Vogliono bene a loro padre”. Quindi ha aggiunto: “Non voglio essere vista come una vittima, perché non penso di esserlo. Sono una donna in una situazione orrenda, ma non unica”.

 

Georgina Chapman ha inoltre rivissuto i giorni immediatamente successivi allo scoppiare dello scandalo: “Non ho mai sospettato nulla. Ho perso quasi cinque chili in dieci giorni. Non riuscivo più a trattenere il cibo [...] La mia testa girava all'impazzata. Ed è stato difficile perché il primo articolo era relativo a un arco temporale molto precedente a quando noi ci siamo incontrati, quindi c'è stato un momento in cui non potevo prendere una decisione informata. Le storie poi si sono susseguite e ho capito che non si trattava di un incidente isolato. Sapevo che dovevo portare i bambini via da tutto questo”.