22 novembre 2016

Vincent Cassel, i film da non perdere dell'attore francese

Ripercorriamo la carriera dell'ex marito di Monica Bellucci, affascinante neo 50enne

 

Buon compleanno, Vincent Cassel. O meglio: joyeux anniversaire!

Uno degli attori francesi, e non solo francesi, migliori in circolazione mercoledì 23 novembre raggiunge la fatidica quota dei 50 anni. Il fascino dell'ex marito della nostra Monica Bellucci non cessa però a diminuire, anzi aumenta con il passare degli anni, così come la sua classe interpretativa.

Per festeggiare questo traguardo particolarmente importante, andiamo a ripercorrere la sua carriera attraverso 8 film, tra i molti notevoli, che lo vedono nel cast e che vi consigliamo di scoprire, o riscoprire. Augurandogli (almeno) altri 50 anni di grande cinema, a partire da È solo la fine del mondo, il nuovo film di Xavier Dolan in uscita nelle sale italiane il prossimo 7 dicembre e in cui Cassel recita al fianco di Marion Cotillard e Léa Seydoux.

 

Guarda il trailer italiano di È solo la fine del mondo di Xavier Dolan

Recente commedia sensuale ed estiva, valida però anche per una visione invernale, sognando il ritorno della bella stagione. In Un momento di follia a cadere “vittima” del fascino di Cassel è la bella lolita interpretata da Lola Le Lann nei panni della figlia del suo migliore amico.

Avvincente thriller francese diretto da Mathieu Kassovitz, che non ha nulla da invidiare ai “colleghi” americani per il livello delle interpretazioni e per la tensione. Tutt'altro.

Una pellicola controversa, molto controversa, in cui il visionario regista Gaspar Noé dirige senza freni e senza porsi limiti una delle (ex) coppie più glamour del globo, quella formata da Monica Bellucci e Vincent Cassel.

Un Vincent Cassel più egocentrico e insopportabile che mai questa volta fa cadere ai suoi piedi la protagonista di questa intensa pellicola drammatica interpretata da una bravissima Emmanuelle Bercot. Per quanto odioso lui sia, lei non riuscirà proprio a resistergli. Così come noi spettatori.

Il film di David Cronenberg ambientato negli ambienti della mafia russa di Londra oltre a quelle di Viggo Mortensen e Naomi Watts ci offre un'altra grande interpretazione, quella di Vincent Cassel qui nei sovietici panni del figlio di un boss.

Un'ottima pellicola firmata da uno dei maggiori talenti del cinema francese degli ultimi anni, Jacques Audiard, successivamente autore de Il profeta, Un sapore di ruggine e ossa e Dheepan - Una nuova vita. Un film in cui i due protagonisti, Vincent Cassel nelle vesti di un ex detenuto in libertà vigilata, ed Emmanuelle Devos in quelli di una ragazza parzialmente sorda che sa leggere le labbra, fanno a gara di bravura.

Il ruolo che ha lanciato la carriera di Vincent Cassel, in patria quanto a livello internazionale. Il film girato con un raffinato bianco e nero da Mathieu Kassovitz nel 1995 è un'autentica bomba ed è ancora oggi più che mai attuale nel raccontare la vita nelle banlieue parigine, così come più in generale nelle periferie delle grandi metropoli di tutto il mondo.

 

Thriller-noir di raro fascino che vede come protagonista una letteralmente pazzesca Natalie Portman. Riuscire a reggere il confronto con una performance recitativa, e pure fisica, tanto estrema non era impresa facile, ma Vincent Cassel, nei panni del rigido direttore artistico Thomas Leroy, supera la prova alla grande. Chapeau!