15 gennaio 2018

Tutti i soldi del mondo: la donazione di Mark Wahlberg spegne le polemiche

L'attore ha devoluto a Time's Up in nome di Michelle Williams il compenso ottenuto per i reshoots del film

 

Non saranno Tutti i soldi del mondo, ma se non altro sono tutti i soldi guadagnati per i discussi reshoots dell'ultima controversa pellicola di Ridley Scott. Mark Wahlberg ha deciso di effettuare una donazione di 1.5 milioni di dollari all'associazione Time's Up in nome della collega Michelle Williams. Il motivo? Ripercorriamo tutta la vicenda.

 

Tutti i soldi del mondo si sta rivelando il film più “maledetto” della stagione cinematografica. Dopo la decisione, molto criticata, da parte del regista Ridley Scott di sostituire a riprese già terminate Kevin Spacey, finito al centro dello scandalo delle molestie sessuali, con Christopher Plummer, negli ultimi giorni intorno alla pellicola era scoppiato un altro caso.

 

Anche in questo caso tutto era partito, sebbene in maniera indiretta, dalle scene rigirate da Plummer. Per realizzare la complessa sostituzione di Spacey sono stati necessari 9 giorni di riprese aggiuntive. Voci interne alla produzione del film hanno diffuso i compensi agli attori per i reshoots ed è emersa una differenza di paga abissale. Secondo le indiscrezioni, pare che Mark Wahlberg sia stato pagato 1.5 milioni di dollari, mentre Michelle Williams appena 80 dollari al giorno, per un totale inferiore agli $ 800. Quasi inutile aggiungere che si è scatenato subito un putiferio riguardo alla differenza di salario tra star maschili e femminili che ancora oggi è parecchio evidente, e questo ne è il caso più emblematico.

 

In seguito alle polemiche, Wahlberg ha così deciso di devolvere l'intera cifra ottenuta per le riprese aggiuntive a nome della collega a Time's Up, movimento che si batte contro le molestie sul posto di lavoro e sulla disuguaglianza di genere. Ben fatto, Mark!

via GIPHY