04 luglio 2018

Scarlett Johansson: la replica alle polemiche per il ruolo da transgender

L'affascinante attrice al centro delle discussioni per la nuova parte nel film Rub & Tug diretto da Rupert Sanders

 

Povera Scarlett Johansson. La bella attrice è di nuovo al centro delle polemiche, e anche questa volta a causa di un film di Rupert Sanders.

via GIPHY

Dopo l'uragano mediatico che si era scatenato a causa del presunto “whitewashing” del suo personaggio in Ghost in the Shell, l'adattamento live-action del manga e anime giapponese, adesso le discussioni riguardano la sua parte nell'annunciata pellicola Rub & Tug.

 

Nel nuovo film diretto da Sanders, la Johansson vestirà i panni di Dante “Tex” Gill, personaggio realmente esistito che negli anni '70 gestiva un salone di massaggi in quel di Pittsburgh. Un centro che però nascondeva un business della prostituzione, oltre a legami con la mafia e a guai con il fisco. Tex era un transgender nato con il nome di Jean Marie Gill e il fatto che a interpretarlo ci sarà una donna – e che donna! – non è un'idea che è stata gradita da molti, nella comunità LGBTQ e non solo. In rete si è così subito aperto il dibattito.

 

La replica della diretta interessata non si è fatta attendere. Attraverso un suo agente, Scarlett ha dichiarato: “Dite a chi si lamenta che possono chiedere ai rappresentanti di Jeffrey Tambor, Jared Leto e Felicity Huffman per un commento”.

 

L'attrice fa riferimento alle performance molto apprezzate di personaggi transgender da parte di altri attori come lei cisgender (ovvero che si identificano con il genere con cui sono nati): Jeffrey Tambor nella serie Transparent, Jared Leto per il suo ruolo da Oscar in Dallas Buyers Club e Felicity Huffman in Transamerica.

 

Cosa ne pensi di questa polemica, destinata a proseguire almeno fino all'uscita nelle sale del film, prevista non prima del 2019?