23 febbraio 2018

Paul Thomas Anderson scrive il suo nuovo film con... la figlia di 8 anni

Il regista de Il filo nascosto e Il petroliere annuncia di essere al lavoro su una pellicola per famiglie

 

Il suo nuovo film Il filo nascosto è appena arrivato nei cinema italiani ed è attualmente in corsa per ben 6 premi Oscar. In attesa di conoscere se la pellicola riuscirà a portarsi a casa qualche statuetta dorata, Paul Thomas Anderson guarda però già al suo prossimo impegno cinematografico, per cui ha intenzione di fare le cose in famiglia.

 

Il regista di Magnolia e Boogie Nights - L'altra Hollywood ha annunciato che sta scrivendo una sceneggiatura in collaborazione con sua figlia di appena 8 anni. La pellicola si preannuncia parecchio diversa rispetto alle sue precedenti, visto che l'ha descritto come un film per famiglie che può essere una visione adatta anche agli spettatori più piccoli.

via GIPHY

Al riguardo Anderson ha dichiarato: “Sto lavorando proprio ora a una storia con mia figlia Lucy di otto anni. Ha preso lei l'iniziativa, perché sapeva che altrimenti io avrei continuato a pensare ad altri progetti per conto mio. Stiamo cercando di creare qualcosa, è un'ottima collaborazione. Mi sta tenendo in punta di piedi”.

 

Considerato che le sue storie in genere tendono a prendere una piega drammatica e dark, in questo caso la figlia Lucy sta cercando di fargli seguire un percorso differente: “Cercavo di guidare la storia verso zone più oscure dove mi trovavo a mio agio, ma lei mi sgridava puntualmente in maniera molto dolce. Ora ci siamo fermati per un po', ma presto dovremmo tornare a lavorare”.

 

Aspettando di vedere se questo progetto si trasformerà effettivamente in una pellicola, ti ricordiamo l'appuntamento con uno dei capolavori di Paul Thomas Anderson, Il petroliere, in onda su Paramount Channel (canale 27 del digitale terrestre) sabato 24 febbraio in seconda serata, subito dopo un altro grande film con protagonista Daniel Day-Lewis, L'ultimo dei Mohicani di Michael Mann.

 

Guarda il video Star Evolution su Daniel Day-Lewis