03 luglio 2017

Addio a Paolo Villaggio, le battute e le scene più divertenti di Fantozzi

Se n'è andato all'età di 84 anni uno dei più grandi comici italiani di sempre, indimenticabile autore e interprete di Fantozzi

 

L'Italia oggi piange la scomparsa di uno dei suoi comici più divertenti e rappresentativi. Ci ha lasciati a Roma all'età di 84 anni Paolo Villaggio. A dare il triste annuncio attraverso Facebook è stata la figlia Elisabetta Villaggio, che ha postato un'immagine del padre giovanissimo accompagnata dalla scritta: “Ciao papà ora sei di nuovo libero di volare”.

Al genio comico di Paolo Villaggio dobbiamo una galleria di personaggi esilaranti, da lui creati e interpretati, come il professor Kranz e Giandomenico Fracchia, e poi soprattutto lui, il mitico ragionier Ugo Fantozzi. Più che un semplice personaggio, uno specchio dell'Italia e degli italiani proposto attraverso una serie di pellicole molto fortunate, oltre che di libri.

 

Nei film di Fantozzi, l'attore genovese ha saputo dare una rappresentazione ironica e tragicomica del nostro paese a partire dalla metà degli anni '70, ma ancora tremendamente attuale. È riuscito inoltre a creare una serie di battute, frasi tormentone, espressioni e scene che fanno ormai parte della nostra vita quotidiana. Il suo talento comico è talmente universale da essere in grado di scatenare la risata immediata dei bambini, quanto provocare riflessioni, anche amare, negli spettatori adulti.

 

Nel corso della sua carriera, trascorsa tra programmi radiofonici e televisivi, film e libri, Paolo Villaggio ha anche frequentato il cinema d'autore, girando lavori con Mario Monicelli, Vittorio Gassman, Marco Ferreri, Pupi Avati, Ermanno Olmi, Gabriele Salvatores e Federico Fellini, di cui è stato protagonista dell'ultimo film, La voce della luna, al fianco di Roberto Benigni. Nel 1992 ha ricevevuto il meritato Leone d'oro alla carriera al Festival di Venezia.

 

In un giorno così triste, noi vogliamo ricordarlo con un sorriso sulle labbra, andando a rileggere e rivedere alcune delle sequenze, delle battute, dei dialoghi e dei momenti più divertenti delle sue pellicole più celebri e amate, quelle di Fantozzi.

 

Fantozzi: “Allora, prenderò l'autobus al volo!”

Pina: “No, Ugo! L'autobus al volo no!”

Mariangela: “No, papà!”

Fantozzi: “Sì, saltando dal terrazzino, guadagnerò almeno due minuti!”

Pina: “No, Ugo! Non l'hai mai fatto... non hai il fisico adatto...”

Fantozzi: “Non l'ho mai fatto... ma l'ho sempre sognato!”

 

“Scusi? Chi ha fatto palo?” (Ugo Fantozzi)

Filini: “Allora, ragioniere, che fa? Batti?”

Fantozzi: “Ma... mi dà del tu?”

Filini: “No, no! Dicevo: batti lei?”

Fantozzi: “Ah, congiuntivo!”

Filini: “Sì!” [Al campo da tennis]

 

Fantozzi al casinò con il Duca Conte Semenzara

Uno poppetto di Bavaria

“In sella, alla bersagliera” (Ugo Fantozzi)

“Andate e moltiplicatevi... il meno possibile!” (Dio rivolto a Fantozzi e alla sua compagna in Superfantozzi)

 

Excalibur imbecille!

“Per me... La Corazzata Kotiomkin... è una cagata pazzesca!” (Ugo Fantozzi)