28 settembre 2016

Paolo Sorrentino: “Masochistico candidare Fuocoammare agli Oscar”

Il regista de La grande bellezza contro la decisione di nominare il documentario di Gianfranco Rosi

 

La scelta di nominare Fuocoammare come candidato italiano alla prossima edizione degli Oscar non ha trovato particolarmente d'accordo Paolo Sorrentino. Anzi, diciamo proprio per niente.

Il regista che nel 2014 si è portato a casa l'ambita statuetta dorata grazie a La grande bellezza fa parte della Commissione Selezionatrice che ha deciso il nostro rappresentante alla notte degli Oscar, ma evidentemente lui non ha votato per il documentario sui migranti di Lampedusa diretto da Gianfranco Rosi.

 

Leggi della scelta di Fuocoammare come candidato agli Oscar 2017

 

Sorrentino ha infatti commentato in maniera polemica questa scelta: “Fuocoammare è un bellissimo film, ma doveva essere candidato all’Oscar nella categoria dei documentari. Questa scelta è un inutile masochistico depotenziamento del cinema italiano che quest’anno poteva portare agli Oscar due titoli forti: tra i film di finzione avremmo potuto candidare Indivisibili di Edoardo De Angelis, mentre Fuocoammare avrebbe avuto molte chances nella categoria dei documentari”.

 

Sei d'accordo con Sorrentino: il cinema italiano doveva compiere un'altra scelta, oppure Fuocoammare ha buone possibilità di ottenere la nomination come miglior film in lingua non inglese ai prossimi Oscar?