05 marzo 2018

Oscar 2018: and the winner is... La forma dell'acqua

Chiamami col tuo nome è riuscito a portare a casa una statuetta per la miglior sceneggiatura non originale

 

Quest'anno non c'è stato nessun clamoroso ribaltone dell'ultimo minuto. Alla fine ha vinto la sognante fiaba romantica La forma dell'acqua di Guillermo del Toro, che ha portato a casa in tutto quattro premi: miglior film, miglior regia, miglior scenografia e miglior colonna sonora.

 

La pellicola del regista messicano ha battuto Tre manifesti a Ebbing, Missouri, l'altro grande favorito principale della vigilia, che si è dovuto accontentare di appena due awards: Frances McDormand miglior attrice protagonista e Sam Rockwell miglior attore non protagonista.

 

Soddisfazione, se non altro parziale, per l'Italia. Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino è riuscito a trasformare in statuetta una delle quattro categorie in cui era nominato, quella per la miglior sceneggiatura non originale, grazie al lavoro di adattamento fatto da James Ivory del romanzo omonimo scritto da André Aciman.

 

La cerimonia condotta da Jimmy Kimmel quest'anno non ha riservato enormi sorprese, così come anche gli altri premi. Gary Oldman è risultato il miglior attore protagonista per la sua interpretazione di Winston Churchill ne L'ora più buia, mentre tra le attrici non protagoniste ad avere la meglio è stata come da previsioni Allison Janney per Tonya.

 

Nella categoria del miglior film straniero ha vinto il cileno Una donna fantastica, mentre Coco è stato premiato come miglior pellicola d'animazione e ha trionfato pure nella combattuta cinquina della miglior canzone originale con “Remember Me”. Nelle sezioni tecniche sono arrivati 3 riconoscimenti per Dunkirk, 2 per Blade Runner 2049 e una per L'ora più buia e Il filo nascosto. Tra i risultati più inattesi ci sono l'Oscar per la miglior sceneggiatura originale all'horror rivelazione Scappa – Get Out e Dear Basketball diretto da Glen Keane e scritto dal cestista Kobe Bryant come miglior cortometraggio animato.

 

Di seguito puoi dare uno sguardo a tutti i vincitori della non troppo imprevedibile 90esima edizione degli Academy Awards.

 

Miglior film

La forma dell'acqua di Guillermo del Toro

 

Miglior regia

Guillermo del Toro per La forma dell'acqua

 

Miglior sceneggiatura originale

Jordan Peele per Scappa – Get Out

 

Miglior sceneggiatura non originale

Chiamami col tuo nome a James Ivory, per il film di Luca Guadagnino

 

Miglior attore protagonista

Gary Oldman per L'ora più buia

 

Miglior attrice protagonista

Frances McDormand per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

 

Miglior attore non protagonista

Sam Rockwell per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

 

Miglior attrice non protagonista

Allison Janney per Tonya

 

Miglior film d'animazione

Coco di Lee Unkrich e Darla K. Anderson

 

Miglior film straniero

Una donna fantastica (Cile)

 

Miglior trucco

Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick per L'ora più buia

 

Miglior costumi

Mark Bridges per Il filo nascosto

 

Miglior colonna sonora originale

Alexandre Desplat per La forma dell'acqua

 

Miglior canzone

Remember me di Kristen Anderson-Lopez, Robert Lopez in Coco

 

Miglior sonoro

Richard King e Alex Gibson per Dunkirk

 

Miglior montaggio sonoro

Mark Weingarten, Gregg Landaker, Gary A. Rizzo per Dunkirk

 

Miglior scenografia

Paul D. Austerberry, Jeffrey A. Melvin e Shane Vieau per La forma dell'acqua

 

Migliori effetti speciali

John Nelson, Paul Lambert, Richard R. Hoover e Gerd Nefzer per Blade Runner 2049

 

Miglior fotografia

Roger Deakins per Blade Runner 2049

 

Miglior montaggio

Lee Smith per Dunkirk

 

Miglior documentario

Icarus di Bryan Fogel e Dan Cogan

 

Miglior cortometraggio documentario

Heaven is a Traffic Jam on the 405 di Frank Stiefel

 

Miglior cortometraggio

The Silent Child di Chris Overton e Rachel Shenton

 

Miglior cortometraggio animato

Dear Basketball di Glenn Keane e Kobe Bryant