10 gennaio 2019

Michael Jackson: in un docufilm nuove accuse nei suoi confronti

Il documentario Leaving Neverland proporrà i racconti di due presunte vittime di abusi da parte della popstar

 

Al prossimo Sundance Film Festival c'è un titolo che sicuramente farà discutere. Anzi, ancora prima della sua proiezione sta già facendo parlare parecchio. Di cosa stiamo parlando? Di Leaving Neverland, un docufilm che tornerà ad affrontare il tema di Michael Jackson e dei suoi presunti abusi sui minori.

 

Il documentario verrà presentato in anteprima mondiale nel corso della kermesse cinematografica in partenza il prossimo 24 gennaio, avrà la durata di quasi quattro ore e presenterà delle nuove accuse nei confronti del Re del Pop.

 

La sinossi del film d'altra parte non lascia spazio a dubbi: “All’apice del suo successo, Michael Jackson cominciò una lunga relazione con due bambini di 7 e 10 anni, e le loro famiglie. Ora che hanno 30 anni raccontano la storia degli abusi che hanno subito da Jackson e come ne sono venuti a patti negli ultimi anni”.

 

In attesa dell'arrivo del documentario al Sundance, i media statunitensi si stanno interrogando su chi possano essere i bambini, ormai diventati adulti, protagonisti di queste testimonianze. Al momento le loro identità restano comunque ancora un mistero.

 

I rappresentanti di Michael Jackson hanno replicato all'annuncio della proiezione della pellicola diretta da Dan Reed, già regista dei documentari The Paedophile Hunter e Three Days of Terror: The Charlie Hebdo Attacks, dichiarando: “Questo cosiddetto documentario è solo un rimaneggiamento di vecchie accuse infondate. È sconcertante che un regista credibile si impegni in un progetto simile”.