04 agosto 2017

Miami Vice: arriva il reboot prodotto da Vin Diesel

La stella della saga di Fast and Furious al lavoro su una nuova versione tv dell'iconica serie anni '80

 

In ambito televisivo c'è un nuovo trend che rischia di superare persino quello dei revival: i reboot!

Un altro leggendario telefilm sta per tornare. I media americani, capitanati da Variety e Hollywood Reporter, riportano infatti l'intenzione di realizzare una versione tutta nuova e rinnovata di Miami Vice. La storica serie diventata un fenomeno della pop culture e un simbolo degli anni '80 vedeva come protagonisti Don Johnson nei panni di James “Sonny” Crockett e Philip Michael Thomas in quelli di Ricardo “Rico” Tubbs.

La serie poliziesca aveva già avuto una nuova versione per il grande schermo: Miami Vice con le star Colin Farrell e Jamie Foxx, film diretto nel 2006 da Michael Mann, che era stato pure produttore esecutivo dell'iconico telefilm ideato da Anthony Yerkovich.

Il nuovo reboot sarà invece destinato al piccolo schermo e, se il progetto dovesse andare in porto, sarà trasmesso negli Usa da NBC nel corso della stagione 2018/2019 e vanterà come produttori due nomi forti di un altro franchise di grande successo, quello di Fast and Furious. La compagnia dell'attore Vin Diesel, la One Race Television, insieme a quella di Chris Morgan (sceneggiatore di 6 episodi della saga di Fast and Furious), la Chris Morgan Productions, si occuperà della produzione della nuova serie tv. A scrivere la sceneggiatura del pilot ci sarà Peter Macmanus.

 

Guarda il Close Up di Paramount Channel dedicato a Vin Diesel

 

Scopri 11 motivi per cui è impossibile non amare Vin Diesel

 

Dopo le stagioni revival di Twin Peaks, Arrested Development – Ti presento i miei, Una mamma per amica – Gilmore Girls e quelle imminenti di Will & Grace e Pappa e ciccia – Roseanne, si arricchisce quindi sempre di più l'elenco dei reboot, con Miami Vice che affiancherà MacGyver, Hawaii Five-0, Taken, Lethal Weapon, One Day at a Time e gli annunciati rifacimenti di S.W.A.T. e Dynasty. Le nuove riletture saranno all'altezza degli originali?