16 novembre 2017

Luis Bacalov è morto: addio al compositore premio Oscar per Il postino

L'argentino naturalizzato italiano si è spento a Roma all'età di 84 anni

 

Le sue musiche meravigliose hanno accompagnato numerosi splendidi film ed è stato uno dei più grandi compositori per la settima arte. È morto a Roma all'età di 84 anni Luis Bacalov, pianista, compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore argentino naturalizzato italiano che dal 1959 viveva nel nostro paese.

 

Il primo lavoro con cui lo vogliamo ricordare è la colonna sonora de Il postino, il film di Michael Radford e Massimo Troisi con cui ha conquistato un meritato premio Oscar. Dopo il trionfo a Los Angeles è nato un lungo confronto in sede giudiziaria e nel 2013 è stata riconosciuta a Sergio Endrigo, a Riccardo Del Turco e a Paolo Margheri la co-paternità del tema principale.

In ambito pop, Bacalov ha curato gli arrangiamenti e collaborato tra gli altri con Nico Fidenco (per il pezzo Legata a un granello di sabbia), Sergio Endrigo, Rita Pavone, Umberto Bindi, Ricchi e poveri, Claudio Villa, Milva, Neil Sedaka, Mia Martini, Fabrizio De André e Gianni Morandi, oltre che con il menzionato Sergio Endrigo.

Tra le numerose soundtrack da lui firmate meritano una menzione Il Vangelo secondo Matteo, Django, Quién sabe?, A ciascuno il suo, L'amica, Cuori solitari, Milano calibro 9 e La città delle donne di Federico Fellini. Nel corso della sua carriera ha collaborato anche con Ennio Morricone e parte del tema della colonna sonora de Il grande duello è stato poi utilizzato da Quentin Tarantino in Kill Bill. È con la compagnia di queste note che diciamo addio a un vero maestro della musica da cinema, e non solo.