05 luglio 2017

Xena contro il razzismo: Lucy Lawless sgrida sei ragazzi a Lucca

La protagonista della serie Xena – Principessa guerriera testimone di un episodio razzista mentre era in Italia

 

Principessa guerriera sul piccolo schermo, ma anche nella vita reale. Lucy Lawless, la protagonista della mitica serie fantasy anni '90 Xena, ha assistito a un episodio di razzismo mentre si trovava nel nostro paese e non ha mancato di intervenire.

 

Scopri alcune curiosità sulla serie tv Xena – Principessa guerriera

 

L'attrice di Xena – Principessa guerriera ha raccontato su Facebook quello che l'è successo mentre si trovava a passeggio per le strade di Lucca: “Stavo camminando per Lucca, in Italia, davanti a me c’erano sei ragazzi vestiti bene, tra i 18 e i 19 anni. Un ragazzo di colore passava in bici. Uno di quegli altri fa il verso dello scimpanzé e batte le mani forte sopra la sua testa. E urla: “Gabon!”. Un altro ragazzo si accoda e un terzo si unisce a loro urlando e applaudendo minacciosamente. “Orribile, veramente orribile!” ho ringhiato io. I ragazzi erano scioccati per il fatto che un adulto li avesse richiamati”.

La Lawless, che da tempo collabora al fianco di Greenpeace e nel 2012 è stata arrestata insieme ad altri attivisti mentre cercavano di bloccare la partenza di una nave trivella diretta nel Mar Artico, ha quindi aggiunto che avrebbe voluto fare di più: “Se fossi stata più preparata e avessi saputo meglio l’italiano, avrei spiegato loro che le passate generazioni di italiani sono emigrate in altri Paesi e che il loro comportamento era una forma di terrorismo. Probabilmente erano sconvolti dal fatto che il ragazzo di colore non avesse le loro stesse maglie con il colletto alzato e i loro bermuda colorati. Più probabilmente stavano mettendo alla prova il loro testosterone su qualcuno che percepivano più debole. Non c’è dubbio su chi fossero gli scimpanzé in tutta questa situazione”.

Brava Xena... pardon, brava Lucy, ben detto!