17 maggio 2017

La strana coppia

“Dicesi buddy movie…”, proverebbe a spiegare il ragionier Fantozzi, un film in cui due personaggi molto diversi vengono affiancati dal destino (o più banalmente dal copione) e devono diventare amiconi prima dei titoli di coda. Ecco allora cinque buddy film celebri, da guardare insieme a un amico completamente diverso da voi, chiaro…
di Alessandro “DocManhattan” Apreda
I compagnoni dei buddy movie sono molto spesso poliziotti, perché niente crea un legame forte tra due uomini come il coprirsi le spalle a vicenda quando dei criminali vogliono farti lo scalpo. Martin Riggs (Mel Gibson) è un poliziotto vedovo e reduce del Vietnam, perché anche a fine anni 80 tra gli action hero si porta molto, come esperienza curriculare. Roger Murtaugh (Danny Glover) ha invece famiglia e non è un casinista cercaguai come il collega… Il successo del primo Arma Letale genera tre seguiti (l’ultimo nel 1998) e una serie TV, un reboot per il piccolo schermo partito lo scorso anno.
La curiosità: Franco Zeffirelli decise di proporre a Mel Gibson la parte del protagonista per il suo Amleto dopo averlo visto Riggs riflettere sul suicidio in Arma Letale.
Un altro elemento classico dei buddy movie anni 80 è il mettere in scena una coppia di poliziotti di diverse etnie. Come quella formata da Nick Nolte ed Eddie Murphy nel 48 ore di Walter Hill, anche se uno dei due (Murphy) in questo caso non è un poliziotto, ma un criminale rilasciato per 48 ore per aiutare Nolte a riacciuffare un evaso. Nel 1990, stesso regista e stessi interpreti per il seguito, Ancora 48 ore.
La curiosità: come faceva James Remar - che per Walter Hill era stato l’Ajax de I guerrieri della notte e qui era il villain Ganz - a sembrare un tale psicotico sul set? Semplice, cercava di dormire il meno possibile prima delle riprese.
Altra serie di film celebre, contraddistinta da incassi colossali spalmati su tre pellicole, tra il 1997 e il 2012. L’esperto Agente K (Tommy Lee Jones) e l’inaffidabile Agente D (Will Smith) risolvono i problemi creati dagli alieni presenti sul nostro pianeta, “sparaflashando” alla bisogna i civili per far dimenticare loro quello che hanno visto. Men in Black nasce come una trasposizione molto libera di un fumetto indie del 1990 e ha generato, oltre ai suoi sequel per il grande schermo, anche una serie a cartoni animati durata 53 episodi.
La curiosità: Smith era già apparso due anni prima in un altro buddy movie, a sfondo però poliziesco, Bad Boys con Martin Lawrence e diretto da Michael Bay. Nel 2003 è uscito il seguito, Bad Boys II, che come molti film di Bay ha portato a casa molte recensioni negative ma anche un sacco di soldi al botteghino…
Sylvester Stallone nell’inedito ruolo del poliziotto metodico e precisino, Tango, come testimoniano quegli occhialini tondi, deve ripulire Los Angeles dalla droga (buona fortuna) insieme al casinista di turno, Cash, cioè Kurt Russell, perché Patrick Swayze ha dato buca alla produzione all’ultimo minuto. E a proposito di ultimi, Tango e Cash è approdato nei cinema USA il 22 dicembre dell’89, e come tale è ufficialmente l’ultimo film statunitense degli anni 90.
La curiosità: gli occhiali indossati da Stallone nel film? Erano i suoi. L’attore è miope e astigmatico, solo che normalmente indossa le lenti a contatto.
Potremmo chiudere con i Blues Brothers (ma di loro abbiamo parlato già a proposito delle coppie di comici o con tanti altri amiconi del grande schermo, ma visto che all’inizio abbiamo citato il ragioniere più sfigato d’Italia, lasciamo spazio alle sue disavventure in compagnia di Filini. La loro partita a tennis nella nebbia, la gita in barca nata sotto una pessima stella e più che altro seguita dalla famigerata nuvoletta, la battuta di caccia sfociata in battaglia campale e la cena a casa della contessa Serbelloni Mozzanti Viendalmare hanno fatto la storia del cinema italiano.
La curiosità: Gigi Reder ha recitato al fianco di Paolo Villaggio in ben 14 film. Il suo personaggio più famoso, il ragionier Filini, cambia nome durante la saga, perché nel primo Fantozzi si chiama Renzo Filini, ma in Fantozzi contro tutti Silvio Filini. Il ragionier Filini appare inoltre anche in uno dei film di Fracchia, Fracchia contro Dracula.