12 ottobre 2016

La carriera dello Zio Tom (Selleck)

Da Magnum P.I. a Jesse Stone, il percorso artistico di Tom Selleck, uno dei volti più amati del piccolo e del grande schermo, con e senza baffi. Investigatori che fanno la bella vita, famiglie di poliziotti, tre scapoli, un bebè e… un fantasma? di Alessandro “DocManhattan” Apreda
Una tra le serie TV più iconiche degli anni 80, Magnum P.I. è la storia del solito reduce del Vietnam che, diventato un investigatore privato, vive in una villa meravigliosa (non sua) alle Hawaii e se ne va in giro con una Ferrari del padrone di casa. Ah, e le sue clienti sono quasi sempre delle donne bellissime. Chiamalo scemo. Il telefilm va avanti negli USA per otto anni, tra l’80 e l’88, spesi più che altro dai suoi spettatori a chiedersi chi diavolo fosse davvero Robin Masters. Era davvero Higgins? Mah.
La curiosità: La serie venne girata lì per riciclare molti set di Hawaii Squadra Cinque Zero, telefilm conclusosi nell’80 dopo dodici stagioni. Nell'episodio “Novel Connection”, Magnum incontra Jessica Fletcher (Angela Lansbury), in trasferta alle Hawaii. Il crossover si conclude in una puntata de La signora in giallo, “Magnum on Ice”.
Nell’87, Selleck appare in questo remake del film francese Tre uomini e una culla (1985). Lui è Peter, un architetto che insieme ad altri due scapoli (il fumettista Michael, Steve Guttenberg, e l’attore Jack, Ted Danson) si trova a dover gestire all’improvviso una neonata. Celebre e godibilissima commedia diretta da Leonard Nimoy, lo Spock di Star Trek.
La curiosità: È circolata a lungo una leggenda metropolitana secondo la quale nel film apparirebbe, dietro una tenda, il fantasma di un ragazzo morto suicida nella casa in cui è stata girata la pellicola. In realtà si tratta di una sagoma di cartone di Jack, usata in una scena tagliata in fase di montaggio, e che appare comunque in seguito nel film, durante il dialogo tra Jack e Sylvia. Tra l’altro, tutti gli interni del film furono girati in un set in Canada, non in una vera casa…
Facciamo un salto in avanti di dieci anni e atterriamo su un’altra fortunata commedia con Selleck, che appare (senza baffi) accanto a Kevin Kline, Joan Cusack e Matt Dillon nell’In & Out di Frank Oz. Selleck è Peter Malloy, giornalista gay chiamato a raccontare la storia di Howard Brackett (Kline), professore di letteratura inglese che scopre di essere omosessuale… grazie alla dedica, in diretta TV dalla notte degli Oscar, di un suo ex studente.
La curiosità: L’Oscar consegnato a Matt Dillon all’inizio del film era la vera statuetta vinta da Kevin Kline nell’88 come miglior attore non protagonista per Un pesce di nome Wanda.
Negli ultimi anni, Tom Selleck è tornato ai suoi vecchi amori: la TV, il genere poliziesco e, beh, i baffoni. Blue Bloods segue le vicende della famiglia Reagan, da generazioni legata al New York Police Department. Frank è a capo del dipartimento, come lo è stato un tempo suo padre, e anche i suoi tre figli sono poliziotti della Grande Mela. La serie va in onda dal 2010 ed è arrivata a contare 136 episodi, divisi in 7 stagioni.
La curiosità: In tutte le puntate si vede una cena di famiglia con i Reagan al gran completo: è stata una richiesta precisa di Selleck, che voleva fosse evidente che i Reagan sono una famiglia unita.
Jesse Stone, capo della polizia di una cittadina immaginaria del Massachusetts in una serie di gialli scritti da Robert B. Parker, è arrivato in TV in un’altrettanto lunga serie di adattamenti televisivi interpretati - e in molti casi scritti da - Tom Selleck. Nove TV movie con titoli intriganti come Stone Cold - Caccia Al Serial Killer, Passaggio nella Notte o Sea Change - Delitto Perfetto, prodotti tra il 2005 e il 2015. Tom, prossimo ai 72 anni, se la cava ancora alla grande. E i baffi? Ah, quelli ci sono ancora: il suo pubblico ama i baffi di Selleck! Una volta l’attore ha dichiarato che riceve così tante domande sui suoi baffi, che quelli hanno ormai un proprio manager…
La curiosità:In tutti i film di Jesse Stone, tranne l’ultimo, Jesse Stone - Delitti irrisolti, appare Stephen McHattie, nei panni del Capitano Healy. Il motivo dell’assenza? Improbabilissimo: durante le riprese era in vacanza in Florida e non gli andava di anticipare il rientro.