15 marzo 2017

La Bella e la Bestia: polemiche internazionali sulla sua uscita

La presenza di una scena a tematica gay ha provocato reazioni negative in Malesia, Russia e Alabama

 

Ancora deve uscire, ma sta già scatenando un mare di polemiche. E di censure. La versione live-action de La Bella e la Bestia arriva a partire da questo weekend nei cinema di mezzo mondo, ma non di tutto il mondo.

 

Guarda il trailer italiano de La Bella e la Bestia

 

Il motivo delle polemiche? Per la prima volta nella storia della Disney sarà presente una scena a tematica esplicitamente omosessuale, che vedrà come protagonista il personaggio di Le Tont, l'aiutante del perfido Gaston (Luke Evans) interpretato da Josh Gad.

 

Una sequenza e un personaggio che proprio non sono piaciuti in Malesia, dove l'uscita del film è stata consentita solo dopo l'eliminazione di tale scena. Il presidente del comitato di censura del cinema malese, Abdul Halim Abdul Hamid, in proposito ha dichiarato: “Si tratta solo di una breve scena, ma non è appropriata perché molti bambini guarderanno questo film”. La Walt Disney Pictures a questo punto ha così deciso di sospendere, almeno per il momento, la distribuzione della pellicola in quel paese.

 

Il remake live-action con protagonisti Emma Watson e Dan Stevens del lavoro animato del 1991 ha sollevato indignazione anche in Russia, dove un deputato ha addirittura chiesto al governo di metterla al bando. Alla fine il film uscirà, però vietato ai minori di 16 anni.

 

C'è poi il caso dell'Henagar Drive-In Theatre, un cinema dell’Alabama. Su Facebook, il proprietario ha annunciato che non proietterà la nuova versione de La Bella e la Bestia: “Se non possiamo portare i nostri nipoti a vedere un film, allora non abbiamo alcun interesse neanche nel mostrarlo”.

 

Per fortuna, in Italia il film arriverà senza problemi nei cinema a partire da giovedì 16 marzo.