10 luglio 2018

Johnny Depp, nuovi guai: ecco perché è stato denunciato

Un location manager ha raccontato alla polizia di essere stato picchiato dall'attore durante le riprese di City of Lies

 

Nuovi guai per Johnny Depp, che in quest'ultimo periodo non se la passa troppo bene. Dopo il controverso divorzio da Amber Heard, i problemi economici e quelli di salute del figlio, adesso è arrivata pure una denuncia.

via GIPHY

Il motivo? L'attore di Edward mani di forbice e della saga dei Pirati dei Caraibi ha ricevuto una denuncia per aver picchiato un location manager, Gregg “Rocky” Brooks. Secondo quanto riportato dall'uomo alla polizia, il presunto episodio sarebbe successo il 13 aprile 2017 sul set del film City of Lies, la pellicola in uscita nei cinema italiani il prossimo 4 ottobre, in cui Depp ha la parte di un detective che investiga sulle misteriose morti dei rapper Tupac Shakur e Notorious B.I.G..

 

Guarda il trailer di City of Lies, il film thriller con Johnny Depp

 

Sempre stando alla denuncia, Johnny stava girando una scena all'infuori del Barclay Hotel di Los Angeles e i ciak sarebbero dovuti durare fino alle 7 di sera negli esterni e fino alle 10 all'interno dell'edificio. Visto che l'attore voleva realizzare una versione più lunga della scena in questione in compagnia di alcuni amici, era stato chiesto a Brooks di estendere la durata del permesso per le riprese, che venne così prolungata fino alle 11. Una volta passata quest'ora, Brooks chiese al regista della pellicola Brad Furman di fermare le riprese e questi gli rispose di andare a dirlo direttamente a Depp. Così fece e, secondo quanto dichiarato, l'attore, che aveva addosso un chiaro odore di alcool, lo ricoprì di insulti e poi lo prese a pugni nelle costole.

 

Tre giorni dopo, il location manager venne licenziato dalla produzione del film thriller, poiché non aveva accettato di firmare un documento che gli impediva di sporgere denuncia contro la star. Denuncia che ora è arrivata e che si va ad aggiungere ai problemi pare ormai senza fine del “povero” Depp.