21 agosto 2017

Addio a Jerry Lewis: 8 suoi film da recuperare

Un ricordo del grande attore scomparso all'età di 91 anni, attraverso alcune imperdibili pellicole, non solo comiche

 

Un altro grande della comicità ci ha lasciati. Dopo Paolo Villaggio, il 2017 ci ha portato via anche Jerry Lewis, il “Picchiatello” più divertente nella storia del cinema a stelle e strisce.

 

L'attore statunitense se n'è andato all'età di 91 anni e ci ha lasciati con una lunga serie di pellicole, prodotte principalmente da Paramount Pictures, che sono riuscite a far tornare il sorriso sulle labbra del pubblico mondiale nel secondo dopoguerra, ma che risultano ancora oggi parecchio spassose.

 

Guarda la foto gallery di Jerry Lewis

 

Oltre ai numerosi film comici, e alla sua storica collaborazione con Dean Martin, Jerry Lewis ha fatto anche qualche apparizione nel cinema d'autore e, pur non avendo mai ottenuto alcun premio Oscar, nel 1999 il suo talento è stato ufficialmente, e finalmente, riconosciuto con il premio alla carriera assegnato al Festival di Venezia.

 

Per ricordare questo grande attore e le sue versatili capacità recitative, ecco otto pellicole, non solo comiche, che consigliamo di recuperare. Due di questi film, Artisti e modelle e a seguire Hollywood o morte! andranno in onda questa sera, 21 agosto, su Paramount Channel (canale 27 del digitale terrestre) a partire dalle ore 23.45. Non perderli.

La prima volta di Jerry Lewis sul grande schermo, nonché il primo film della fortunata coppia comica formata insieme a Dean Martin. E i due fanno subito centro.

Il film diretto da Frank Tashlin racconta la storia del pittore Rick (Dean Martin) e di Eugene (Jerry Lewis), scrittore di fiabe e assiduo lettore di fumetti horror, che gli provocano sogni tanto movimentati da infastidire i vicini e da costringere i due coinquilini a frequenti traslochi. Dopo uno di questi episodi, Rick ed Eugene incontrano due vicine di casa, una delle quali assomiglia all'eroina di uno dei fumetti preferiti da Eugene, la “Donna Vampiro”. In realtà si tratta di Bessie (Shirley MacLaine), una ragazza che fa da modella alla sua amica Abby (Dorothy Malone), che scrive proprio i fumetti preferiti da Eugene. I due giovani e le ragazze iniziano a frequentarsi, ma il loro rapporto viene ben presto ostacolato da un intreccio spionistico internazionale…

Hollywood o morte!, anch’esso diretto da Frank Tashlin, è l’ultimo film della coppia Martin-Lewis. Malcolm Smith (Lewis) vince un'automobile in una lotteria di paese mentre Steve Wiley (Martin), un imbroglione di New York, si procura una copia falsa del biglietto vincente e reclama anche lui il premio. Il responsabile della lotteria li dichiara vincitori ex aequo e dispone quindi che si dividano l'auto tra di loro. Steve vorrebbe venderla, ma Malcolm vuole usare l’auto per guidare fino a Hollywood e realizzare il suo sogno di incontrare Anita Ekberg. La coppia inizia quindi un viaggio verso Los Angeles sulle tracce dell’attrice – che nel film è realmente presente nel ruolo di se stessa – che si rivelerà ricco di esilaranti episodi.

Una raccolta di gag e scene tutte da ridere per uno dei film simbolo della comicità molto fisica e visiva dell'attore. Non a caso il suo personaggio, Stanlio, non dice una sola parola per tutta la pellicola, eccetto che nel (geniale) finale.

Il capolavoro comico di Lewis, qui nelle vesti di regista, sceneggiatore e (doppio) attore. La pellicola è una divertente parodia di Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson, con il comico che veste i panni di un imbranato professore di chimica che si trasforma in un irresistibile playboy.

Nel 1983 Jerry Lewis ha l'opportunità di mostrare le sue capacità recitative anche nel cinema d'autore e in vesti “serie”. L'occasione gli viene offerta da Martin Scorsese in uno dei suoi film più sottovalutati, Re per una notte (The King of Comedy).

Altra pellicola d'autore, altra splendida e sorprendente performance. Jerry Lewis è indimenticabile nel gioiellino di Emir Kusturica Arizona Dream, dove ha la parte dello zio del protagonista interpretato da Johnny Depp.

Dopo una lunga assenza dai cinema, Jerry Lewis nel 2013 torna sul grande schermo in una veste inedita, più drammatica che mai. Nell'intenso Max Rose, presentato al Festival di Cannes, è un pianista jazz che ripercorre la sua vita dopo la morte dell'amata moglie.