05 aprile 2017

Ian McKellen svela perché ha rifiutato la parte di Albus Silente

Ecco perché l'interprete di Gandalf ne Il Signore degli Anelli disse no alla saga creata da J. K. Rowling

 

Ian McKellen è uno dei più grandi attori viventi, un fuoriclasse della recitazione sia sul grande schermo che a teatro, un notevole interprete shakespeariano. Al grande pubblico comunque è conosciuto soprattutto per la parte di Gandalf nella saga de Il Signore degli Anelli.

 

Il britannico sarebbe però potuto essere un altro celebre personaggio in un'altra celebre serie fantasy, quella di Harry Potter. Dopo la morte nel 2002 di Richard Harris, che aveva interpretato Albus Silente nei primi due film della saga (Harry Potter e la pietra filosofale e Harry Potter e la camera dei segreti), la Warner Bros. voleva Ian McKellen, che però rifiutò e così il ruolo finì a Michael Gambon.

 

Adesso l'attore ha svelato perché: “Mi hanno telefonato per chiedermi se fossi interessato a un ruolo in Harry Potter. Non mi avevano specificato il personaggio, ma io l’avevo capito, e non potevo ereditare la parte di un attore che sapevo non mi avrebbe approvato. A volte, quando vedo i poster di Michael Gambon, mi vien da pensare che sono io”.

 

In passato Richard Harris in un'intervista aveva infatti parlato di McKellen, ma anche di Derek Jacobi e Kenneth Branagh, dichiarando: “Sono tecnicamente brillanti, ma privi di passione”.

 

Un peccato. Chissà come sarebbe stato Ian nella parte di Albus?