03 luglio 2018

Harvey Weinstein, nuova accusa: ora rischia l'ergastolo

Il discusso produttore è stato incriminato per un'altra aggressione sessuale

 

Una nuova accusa è arrivata nei confronti di Harvey Weinstein. Il controverso produttore che, suo malgrado, ha dato il via allo scandalo delle molestie sessuali che ha travolto prima Hollywood e poi anche vari altri settori della società in tutto il mondo, è stato incriminato per una terza aggressione sessuale, che si va ad aggiungere alle due precedenti per cui era stato arrestato, e poi rilasciato dietro pagamento di cauzione, nelle passate settimane.

 

Questa volta il caso riguarda quello di una donna che Weinstein avrebbe costretto a praticare del sesso orale nel luglio 2006. Cyrus Vance, il procuratore di Manhattan, ha annunciato che il grand jury ha chiesto il rinvio a giudizio di Harvey Weinstein per “atto sessuale forzato di primo grado”.

 

Tramite il suo legale, l'ex producer si è dichiarato anche questa volta estraneo alle nuove accuse, così come già nei precedenti casi. Il prossimo appuntamento in tribunale per la formalizzazione delle imputazioni è stato fissato per il 9 luglio e Weinstein ora rischia la condanna all'ergastolo.