26 settembre 2016

Fuocoammare è il candidato italiano agli Oscar 2017

Il documentario ambientato sull'isola di Lampedusa correrà tra i migliori film non in inglese

 

Fuocoammare rappresenterà l'Italia all'edizione degli Oscar 2017. Dopo aver vinto l'Orso d'oro al Festival di Berlino, arriva un nuovo riconoscimento importante per il documentario diretto da Gianfranco Rosi sul dramma dei migranti. Una pellicola d'impegno sociale su una tematica di estrema attualità che difficilmente non sarà presa in seria considerazione dall'Academy.

 

Per sapere se Fuocoammare riuscirà a spuntare una nomination nella cinquina dedicata ai migliori film in lingua non inglese bisognerà però attendere fino al prossimo 24 gennaio, mentre i premi saranno poi consegnati il 26 febbraio del 2017.

 

Nel frattempo Rosi può festeggiare questo primo passo nella marcia di avvicinamento alla statuetta dorata più sognata dai cineasti di tutto il mondo. Il suo documentario ambientato a Lampedusa è riuscito a superare una concorrenza mai come quest'anno tanto agguerrita, considerando come il cinema italiano negli ultimi mesi abbia sfornato un numero davvero alto di pellicole di ottimo livello. Gli altri film presi in considerazione tra i 7 candidati italiani all'Oscar erano Perfetti sconosciuti, Lo chiamavano Jeeg Robot, Suburra, Indivisibili, Pericle il nero e Gli ultimi saranno ultimi, ma alla fine l'ha spuntata Fuocoammare.

 

Una decisione che troverà di certo l'approvazione di Meryl Streep, presidente di giuria all'ultimo Festival di Berlino. Dopo la premiazione, la produttrice del film di Rosi ha infatti dichiarato: “Meryl Streep mi ha detto, tenendomi per mano: 'Questo film può vincere l'Oscar. Farò di tutto perché sia portato negli Usa'”.