23 novembre 2016

I film horror migliori (e più spaventosi) del 2016

Tracciamo un bilancio del cinema di paura di quest'anno, attraverso 10 pellicole da non perdere

 

Che annata è stata per l'horror, questa che volge al termine? Tra luci e ombre, in mezzo a numerosi prodotti di qualità media, per non dire mediocre, sono anche usciti alcuni lavori degni di nota. Il cinema di paura ha spesso mostrato cose interessanti e originali quando ha avuto il coraggio di confrontarsi e mescolarsi con altri generi, come la fantascienza, o quando ha proposto una visione autoriale.

 

Quali sono i film che più ci hanno spaventato e inquietato nel corso degli ultimi 12 mesi?

Ecco 10 pellicole horror, o più o meno horror, uscite nei cinema italiani nel corso del 2016 che vi consigliamo di recuperare. Preparatevi a tremare.

L'horror più imitato degli ultimi 20 anni, The Blair Witch Project - Il mistero della strega di Blair, è tornato in vita con una versione rinnovata firmata da Adam Wingard, il regista di The Guest e You're Next. Il risultato non è un nuovo cult rivoluzionario quanto il suo “paparino”, ma una visione per gli appassionati del genere è comunque d'obbligo.

La saga de La notte del giudizio prosegue nel suo angosciante cammino e ci regala il suo episodio più politico e attuale. Certo, il mondo della politica vera è in grado di creare personaggi e situazioni persino più spaventosi di quelli qui presenti, però questo Election Year è comunque l'ideale per una serata ad alta tensione.

Da una vera situazione da incubo, quella vissuta in Room, agli incubi che si trasformano in realtà. I sogni del piccolo Jacob Tremblay si materializzano, e non è una bella cosa cosa visto che sono parecchio spaventosi. È quanto capita in Somnia, emozionante horror famigliare diretto dallo specialista Mike Flanagan, che quest'anno ha girato anche Hush - Il terrore del silenzio e Ouija - L'origine del male.

A metà strada tra fantascienza e horror, l'esordio di Luke Scott, il figlio del grande Ridley, sa inquietare anche e soprattutto grazie all'interprete dell'ibrido umano chiamato Morgan, la giovane Anya Taylor-Joy, attrice sorprendente che vedremo in questa classifica anche in un altro film presente più in alto...

Un po' commedia, un po' film sentimentale in costume, un po' action e un po'... horror. La pellicola di Burr Steers tratta dal romanzo di Seth Grahame-Smith, (molto) liberamente ispirato al classico di Jane Austen, è un ibrido davvero singolare di generi. Forse non un lavoro riuscito al 100%, ma di certo tra le cose più originali in cui vi potrete imbattere quest'anno.

Film ad alta, altissima tensione, in cui succede di tutto e di più. La pellicola di Fede Alvarez parte con il tentativo di furto da parte di tre ragazzi ai danni di un anziano cieco, ma si trasformerà poi in un incubo. Per loro, mica per lui.

L'universo distopico di Cloverfield, pellicola diretta nel 2008 da Matt Reeves, prosegue in quello che è stato definito un suo sequel “spirituale”. I personaggi sono differenti, la situazione pure, e qui è più claustrofobica che mai, ma il mix tra horror e sci-fi è perfettamente riuscito anche questa volta. E forse persino un po' di più.

I nostri due esperti di paranormale preferiti, Ghostbusters permettendo, sono tornati a investigare su un nuovo caso. Ed e Lorraine Warren (Patrick Wilson e Vera Farmiga) si trovano alle prese con un'altra presenza demoniaca e la pellicola è ancora più paurosa, e a tratti pure toccante, rispetto a quella precedente.

Il danese Nicolas Winding Refn firma un thriller-horror autoriale ambientato in un mondo che si può rivelare spietato e terrificante, quello della... moda. Dietro alla bellezza estetica delle riprese, e delle protagoniste, si nascondono parecchi risvolti inquietanti, a metà strada tra il David Lynch di Mulholland Drive e il Dario Argento di Suspiria.

L'horror più terrorizzante dell'anno racconta una storia folk ambientata nei primi del '600, tra risvolti religiosi e presenze stregonesche. La rivelazione Anya Taylor-Joy, vista anche in Morgan, con il suo aspetto a metà strada tra l'angelico e il demoniaco si rivela il volto perfetto del nuovo cinema horror, e insieme al regista esordiente Robert Eggers ci accompagna in un viaggio spaventoso in un bosco del vecchio New England. Un'avvertenza: attenti ai caproni!