11 maggio 2016

Festival di Cannes 2016, i film e i divi più attesi

La kermesse cinematografica al via: ecco i probabili protagonisti

 

Tutto ormai è pronto per il Festival di Cannes 2016. Una delle rassegne cinematografiche più prestigiose del mondo prende il via oggi mercoledì 11 maggio e terminerà domenica 22, quando conosceremo il vincitore dell'ambita Palma d'Oro, oltre agli altri premiati dalla Giuria del Concorso ufficiale che quest'anno è capitanata da George Miller, il regista della spettacolare saga di Mad Max, e che vede tra le giurate anche Kirsten Dunst e la nostra Valeria Golino.

 

Italia quest'anno esclusa dal Concorso, lo sappiamo, ma tutt'altro che assente dalla Croisette. La gara, anche senza “concorrenti” nostrani, si preannuncia più agguerrita che mai e, considerando pure le sezioni parallele, i lavori fuori Concorso e le star attese sul red carpet, Cannes 2016 si preannuncia come un'edizione più ricca di spunti e di motivi di interesse che mai. Vediamo una “preview” di quanto ci possiamo aspettare dalla Costa Azzurra nella prossima decina di giorni, facendo però prima un salto nel passato.

 

La prima edizione del Festival di Cannes si è tenuta nel 1946. In realtà il Festival sarebbe dovuto partire già nel 1939, con tanto di Louis Lumière a presiedere la Giuria, ma il progetto si stoppò con la dichiarazione di guerra della Francia e del Regno Unito alla Germania. Dopo il termine della Seconda Guerra Mondiale, a partire dal 1946 la kermesse cinematografica si è svolta ogni anno, fatta eccezione per il 1948 e il 1950, quando il Festival non si è tenuto per dei problemi di bilancio.

 

Sono tante le pellicole storiche, i registi geniali, i grandi divi e le splendide dive passate dalle parti di Cannes nel corso degli anni. Tra i film capolavoro che hanno avuto l'onore di vincere la Palma d'Oro di migliore pellicola dell'edizione ricordiamo Il Gattopardo di Luchino Visconti (1963), Blow-Up di Michelangelo Antonioni (1967), La conversazione di Francis Ford Coppola (1974) di recente tra l'altro trasmesso qui sugli schermi di Paramount Channel, Taxi Driver di Martin Scorsese (1976), Apocalypse Now ancora di Francis Ford Coppola (1979), Cuore selvaggio di David Lynch (1990), Pulp Fiction di Quentin Tarantino (1994), Dancer in the Dark di Lars von Trier (2000), La stanza del figlio di Nanni Moretti (2001), The Tree of Life di Terrence Malick (2011) e La vita di Adele di Abdellatif Kechiche (2013), mentre l'anno scorso la vittoria è andata a Dheepan – Una nuova vita di Jacques Audiard.

 

Chi si aggiudicherà la Palma d'Oro quest'anno? Difficile pronosticarlo. Tra i film più attesi che passeranno in Concorso comunque ci sono i nuovi di Nicolas Winding Refn, The Neon Demon, e di Pedro Almodovar, Julieta, fin dai rispettivi trailer parecchio affascinanti. Attenzione poi al giovane fenomeno canadese Xavier Dolan con It's Only the End of the World, che potrebbe riservare qualche sorpresa, a Sean Penn con il suo The Last Face, al discontinuo ma sempre interessante Jim Jarmusch con Paterson e ai fratelli Dardenne, già due volte vincitori nel 1999 e nel 2005, con l'ultimo The Unknown Girl.

 

Grande curiosità per il Concorso, ma occhi puntati anche sul lato più glamour dell'evento e sulle stelle che sfileranno sul red carpet. Tra i nomi noti che dovrebbero passare dalla città della Costa Azzurra ci sono Kristen Stewart e Blake Lively presenti nel cast di Café Society, il film fuori Concorso diretto da Woody Allen che apre la manifestazione. Tra gli altri eventi fuori Concorso, grande attesa poi per l'accoppiata formata da Ryan Gosling e Russell Crowe, i due protagonisti di The Nice Guys, per Robert De Niro, che il 16 maggio presenterà il suo nuovo Hands of Stone, e per George Clooney e Julia Roberts, insieme il 12 maggio per la proiezione di Money Monster – L'altra faccia del denaro. Per altro per la “pretty woman” si tratterà della prima volta in assoluto sulla Croisette, quindi sarà un evento nell'evento.

 

Zero italiani in Concorso, ma i film italiani nelle altre sezioni non mancheranno: Pericle il nero di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio sarà presente nella sezione Un Certain Regard, mentre alla Quinzaine des Réalisateurs verranno presentati La pazza gioia di Paolo Virzì con Micaela Ramazzotti e Valeria Bruni Tedeschi, Fai bei sogni, il film diretto da Marco Bellocchio tratto dall'omonimo romanzo di Massimo Gramellini e Fiore di Claudio Giovannesi. Per la Semaine de la Critique spazio poi a I tempi felici verranno presto di Alessandro Comodin e, tra le proiezioni speciali fuori gara, ci sarà anche il documentario L’ultima spiaggia di Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan.