18 maggio 2017

Cannes 2017: 5 cose da sapere sull'inizio del Festival

Monica Bellucci, Marion Cotillard e il dibattito su Netflix hanno infiammato il debutto della kermesse

 

Il Festival di Cannes 2017 è partito all'insegna delle grandi dive, e non solo. Ecco tutto quello che c'è da sapere della prima giornata sulla Croisette, più qualche anticipazione della seconda.

 

La madrina dell'edizione 2017 della kermesse cinematografica si è subito fatta notare non solo sul red carpet, ma anche durante la cerimonia d'apertura. Sul palco Monica Bellucci ha ballato un tango e al termine dell'esibizione ha baciato in maniera appassionata il suo (fortunato) compagno di ballo, l'attore francese Alex Lutz.

 

Nel film d'apertura del Festival, Les fantômes d'Ismaël di Arnaud Desplechin, Marion Cotillard si mostra come mamma l'ha fatta in una scena di nudo e balla sulle note di Bob Dylan. Protagonista a parte, la pellicola presentata fuori Concorso ha ricevuto un'accoglienza piuttosto freddina.

 

Netflix sì o Netflix no?

Il popolare servizio di streaming divide i giurati di Cannes 2017 sulla scelta di proporre direttamente i film sul piccolo schermo anziché distribuirli nei cinema. Il presidente della giuria Almodovar è più verso il no: “Sarebbe un paradosso una Palma d'oro ad un film non destinato alla sala. Le piattaforme digitali in sé sono principio giusto e positivo, ma questo non dovrebbe sostituire la forma esistente come la sala cinematografica e non dovrebbe alterare le abitudini degli spettatori. Per me la soluzione è semplice: le nuove piattaforme devono accettare le regole attuali del gioco, l’unica strada per sopravvivere. Credo fermamente che almeno la prima volta che qualcuno vede un film sia necessario che lo schermo sul quale lo vede non sia più piccolo della propria sedia. Sono convinto che noi spettatori dobbiamo essere più piccoli per entrare nell’immagine e nella storia”.

 

Il giurato Will Smith invece è più per il sì: “Io ho tre figli di 24, 18 e 16 anni. Vanno al cinema due volte la settimana e scaricano i film da Netflix. Non so cosa accade nelle altre case, ma nella mia l'arrivo di Netflix non ha avuto nessun effetto: sono due tipi di fruizione diverse, quando vogliono sentirsi umili di fronte a certe immagini vanno al cinema, altre volte le vedono sul piccolo schermo. Netiflix, a casa mia non ha fatto altro che ingrandire l'offerta, ha permesso loro di vedere film che altrimenti non avrebbero mai visto e metterli in contatto con questo mondo underground di storie a 8000 chilometri da loro”.

 

Quest'anno il Festival è più blindato e controllato che mai. La prima edizione dopo la strage di Nizza, avvenuta il 14 luglio 2016, si è aperta all'insegna dei controlli antiterrorismo. Tra le misure adottate, sono stati potenziati i controlli con metal detector all’ingresso del Palais des Festivals et des Congrès, e sono state poste delle barriere anti sfondamento sulla strada.

 

E oggi? Per la giornata di giovedì 18 maggio c'è grande attesa soprattutto per Wonderstruck, il nuovo film di Todd Haynes con Julianne Moore e Michelle Williams, che sarà presentato in Concorso, così come Loveless di Andrey Zvyagintsev. Fuori Concorso arrivano invece Sea Sorrow di Vanessa Redgrave e Blade of the Immortal di Takashi Miike, mentre alla Settimana della Critica sarà presentato l'italiano Sicilian Ghost Story di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza.