11 giugno 2018

La Festa della Tata: il 17 giugno festeggia insieme a Paramount Channel

Ecco i risultati della survey sul ruolo delle tate nelle famiglie di oggi, organizzata per un'occasione speciale

 

Gentili telespettatori, vi comunichiamo che Paramount Channel ha deciso di istituire ufficialmente la Festa della Tata, prevista per domenica 17 giugno. Si tratta di una giornata speciale dedicata a tutti coloro che per amore e per mestiere gestiscono quotidianamente le “piccole pesti” di casa: tutte le mamme e i papà, innanzitutto, ma anche i nonni e gli zii, fino agli amici e i vicini di casa e ovviamente le tate, preziosissime e sempre più indispensabili figure di riferimento per i più piccoli.

 

La Festa della Tata sarà celebrata sul canale 27 del digitale terrestre e di Tivusat domenica 17 giugno con una mini-maratona di appuntamenti che racconteranno il fondamentale ruolo svolto da queste figure nell’età della crescita. A partire dalle ore 15.10 andranno in onda due divertentissime commedie per una ventata di buonumore in famiglia: Un ciclone in casa e Matrimonio a 4 mani. A intervallare i due film ci saranno quattro imperdibili episodi de La Tata, la serie con protagonista la tata più divertente che ci sia: Francesca Cacace, interpretata dalla meravigliosa Fran Drescher. Ti ricordiamo inoltre che le puntate de La Tata ti aspettano su Paramount Channel tutti i giorni dal lunedì al venerdì alle 19.40.

via GIPHY

Paramount Channel celebra inoltre la Festa della Tata con la diffusione dei risultati della speciale indagine survey rivolta alle mamme e realizzata in collaborazione con la famosa community FattoreMamma. Attraverso le risposte delle mamme intervistate, possiamo facilmente dedurre che le famiglie italiane esprimono in maniera unanime l’esigenza di un sostegno per la cura dei figli nella ricerca del difficile equilibrio tra lavoro e famiglia. Le figure di riferimento che maggiormente collaborano nella gestione dei figli, affiancando quindi il lavoro di mamme e papà, sono proprio le tate (14%), in grado di instaurare con i bambini un rapporto davvero speciale.

 

Sono due le tematiche principali che sono emerse attraverso la survey e riguardano aree di strettissima attualità e particolare interesse sociale. Innanzitutto, la ricerca ha evidenziato che praticamente la totalità delle mamme intervistate (oltre il 99.3%) sostiene che sia assolutamente necessaria una collaborazione da parte dello Stato attraverso un maggior sostegno alla genitorialità - considerando che il 42% dei bambini delle mamme intervistate frequentano nido o asilo mentre i genitori lavorano - in particolare tramite:

Modalità di lavoro più flessibili per i genitori (84%)

Rette più economiche per nidi e asili (74%)

Sgravi fiscali per le famiglie con figli (41%)

 

Queste richieste permetterebbero un notevole risparmio alle famiglie, sia in termini di tempo sia in termini di denaro. Va sottolineato infatti che talvolta non è possibile avere un supporto esterno per motivi economici (12% delle mamme intervistate). Nel 67% dei casi il supporto arriva dalla famiglia stessa e sono proprio i nonni a giocare il ruolo dei leoni nella gestione dei più piccoli.

 

Un altro dato che spazza via alcuni luoghi comuni e dubbi talvolta ancora presenti nelle famiglie del Bel Paese riguarda le origini geografiche della tata. La survey svela che se il 46% delle mamme preferisce una tata italiana, a pari merito il 46% non considera la nazionalità come un dato rilevante, e valuta la tata ideale esclusivamente sulla base dei requisiti. Se sembra scontato per alcuni, può invece tradursi in un bel passo avanti per una buona fetta di popolazione. Inoltre, più del 5% delle mamme intervistate sostiene di preferire una tata straniera, che possa parlare in lingua inglese con i propri figli, contribuendo così anche a un aspetto didattico.

 

La ricerca evidenzia che solo il 14% delle famiglie intervistate (non molte a dir la verità, probabilmente pesa l’età del figlio piccolo che per il 56% è sotto 1 anno e il fatto che la maggioranza ha un filgio unico, 66%) ha una tata e si preferisce che la tata sia una figura totalmente dedicata al proprio bambino: nella grande maggioranza dei casi (quasi l’80%) la tata si occupa infatti soltanto del bambino quando i genitori sono via, mentre solo per il 13% gestisce anche le faccende domestiche. Dalla survey è emerso in modo chiaro che, nella scelta della tata giusta, gioca un ruolo fondamentale il livello di sintonia che si instaura con i bambini. Per il 75% delle intervistate infatti è essenziale che capisca le loro esigenze. Molto importante anche la capacità di intrattenere i bambini (60%) senza dimenticare però la disciplina. Per il 44% è essenziale che la tata sappia definire giuste regole e le faccia rispettare. Il rapporto che si instaura tra la tata e i bambini risulta importante ed emotivamente investito, seppur rimane sempre in secondo piano rispetto ai genitori: il 41% delle mamme afferma che i figli stanno molto volentieri con la tata, tuttavia oltre il 30% delle mamme dichiara che i loro bambini vivono con difficoltà il momento del distacco da genitori e solo il 5% afferma che i figli sono molto dispiaciuti quando si devono separare dalla propria tata. Insomma, viva le tate!

via GIPHY

Qui di seguiti puoi dare un'occhiata all'infografica riassuntiva della survey.