07 maggio 2018

Addio a Ermanno Olmi: è morto il regista de L'albero degli zoccoli

Il cinema italiano saluta uno dei suoi maestri, premiato sia a Cannes che a Venezia

 

Lutto nel mondo del cinema. Ci ha lasciati all'età di 86 anni il grande regista Ermanno Olmi. Tra i suoi titoli più celebri ricordiamo L'albero degli zoccoli, pellicola del 1978 considerata il suo capolavoro assoluto, La leggenda del Santo bevitore e Il mestiere delle armi.

 

Nato a Bergamo il 24 luglio del 1931, Olmi ha esordito dietro la macchina da presa alla fine degli anni '50 con Il tempo si è fermato, un film che si può inserire all'interno del filone del neorealismo, ma successivamente ha firmato lavori che hanno toccato vari altri generi e usato toni differenti, dalla fiaba al film storico, passando per i documentari.

 

Nel 1978 è giunta per lui la consacrazione con L'albero degli zoccoli, pellicola girata in dialetto bergamasco premiata a sorpresa al Festival di Cannes con la Palma d'Oro. Negli anni '80 arrivano nuovi prestigiosi riconoscimenti con Lunga vita alla signora!, vincitore del Leone d'Argento al Festival di Venezia e La leggenda del Santo bevitore, che si aggiudica il Leone d'Oro. Nel 2008 sempre a Venezia gli viene assegnato anche il Leone d'Oro alla carriera. Negli anni Duemila firma altre opere di assoluto valore come Il mestiere delle armi, Cantando dietro i paraventi, Centochiodi e la sua ultima opera, Torneranno i prati del 2014.

 

Il regista è venuto a mancare nell'ospedale di Asiago, in provincia di Vicenza, dove si trovava ricoverato da alcuni giorni. (Foto d'apertura: Getty Images)