14 aprile 2016

Emma Watson: non solo Harry Potter, 5 suoi film da vedere

Cinque personaggi interpretati dall'attrice 26enne, Hermione esclusa.

Difficile costruire una carriera dopo aver interpretato un personaggio tanto celebre e identificativo in una saga ancora più popolare, eppure Emma Watson, pellicola dopo pellicola, ci sta riuscendo. L'interprete della maghetta Hermione nella serie di Harry Potter oggi 15 aprile compie 26 anni e per l'occasione siamo andati a recuperare altre cinque pellicole in cui è possibile vederla. Hermione esclusa.

La parte più emozionante della sua carriera. Almeno fino ad ora. Nel cult adolescenziale Noi siamo infinito (The Perks of Being a Wallflower) Emma Watson è Sam, la migliore amica, e forse anche qualcosa di più, del timido protagonista Charlie (Logan Lerman). Memorabile la scena in cui spalanca le braccia sulle note di Heroes di David Bowie.

Diretta da Sofia Coppola, Emma Watson stupisce tutti con un ruolo distante anni luce dalla “secchiona” Hermione. In Bling Ring è la superficiale, modaiola ed egocentrica, ma a suo modo anche parecchio divertente, Nicki Moore, una delle ragazze del gruppo di giovani criminali che derubano le ville di celebrità disattente che le lasciano aperte, come Paris Hilton e Lindsay Lohan.

Nella folle commedia apocalittica Facciamola finita Emma Watson interpreta, così come tutto il resto del cast, la parte di se stessa. O, se non altro, una versione scatenata di se stessa, capace di tenere testa alla grande, e pure di minacciare con un'accetta, il gruppo di protagonisti della pellicola capitanato da Seth Rogen, James Franco e Jonah Hill.

Nella pellicola di ispirazione biblica diretta da Darren Aronofsky, Emma è Ila, la figliastra di Noé (Russell Crowe), nonché la ragazza di uno dei suoi figli. Con il minaccioso Noé non avrà però sempre un rapporto tutto rose e fiori. Vedere il film per credere.

Nel recente thriller-horror Regression, diretto dallo spagnolo Alejandro Amenábar, va detto che Emma Watson non è che fornisca proprio una performance recitativa formidabile. Per quanto non del tutto in parte, è comunque interessante vedere la giovane attrice britannica alle prese con un ruolo tanto ambiguo.