18 maggio 2018

Emilia Clarke spiega perché ha detto no a Cinquanta sfumature

L'attrice di Game of Thrones e Solo: A Star Wars Story nega che la sua decisione fosse dovuta alle scene di nudo

 

Ve la immaginate Emilia Clarke, la Khaleesi della serie Game of Thrones, nei panni di Anastasia Steele nella saga soft-erotica di Cinquanta sfumature?

via GIPHY

No, vero? A quanto pare nemmeno lei. L'attrice britannica era stata presa in considerazione per la parte poi finita a Dakota Johnson come protagonista degli adattamenti cinematografici tratti dai romanzi bestseller scritti da E.L. James.

 

Emilia ha però rifiutato la proposta e a proposito della sua decisione c'è chi avanzato alcune ipotesi, tra cui la possibilità che il suo rifiuto dipendesse dalla scene di nudo presenti in abbondanza nelle tre pellicole. In una recente intervista la Clarke ha però spiegato che non è quello il motivo, anche perché ne Il Trono di Spade ha dimostrato di non avere problemi a mostrarsi senza veli: “Non era realmente una questione legata alle scene di nudo. Ero semplicemente a conoscenza dell'enormità di quello che era... e ho pensato che non avrei potuto sopportarlo”.

 

La Daenerys Targaryen di Game of Thrones ha inoltre raccontato di avere incontrato la regista del primo film della serie Cinquanta sfumature di grigio, Sam Taylor-Johnson, e ha poi deciso di rifiutare, preferendo dedicarsi a saghe fantascientifiche come quella di Terminator e adesso di Guerre stellari, con il nuovo Solo: A Star Wars Story appena presentato a Cannes e in arrivo nei cinema italiani dal 23 maggio. (Credit foto d'apertura: Getty Images)

 

Guarda la foto gallery della premiere di Solo: A Star Wars Story al Festival di Cannes 2018