31 agosto 2017

Downsizing, primo teaser del film d'apertura di Venezia 74

Primo sguardo alla pellicola di Alexander Payne con Matt Damon e Kristen Wiig, tra amore e fantascienza

 

Una storia d'amore inserita in un contesto fantascientifico. È così che Alexander Payne ha definito la sua ultima singolare pellicola, Downsizing, che vede come protagonisti Matt Damon e Kristen Wiig. I due attori sono tornati a collaborare dopo il successo di Sopravvissuto – The Martian di Ridley Scott, in cui però i loro personaggi si muovevano a milioni di km di distanza. Così come i due film presentano un tipo di sci-fi molto distante tra loro.

 

Downsizing racconta dell'originale soluzione trovata da alcuni scienziati per far fronte ai cambiamenti climatici, ovvero rimpicciolire gli esseri umani. Esatto, qualcosa di simile a Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi.

Downsizing ha avuto l'onore di aprire la 74a edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, andato negli scorsi anni a pellicole che si sono poi rivelate parecchio fortunate come La La Land, Gravity e Birdman. Riuscirà a ripeterne il successo?

 

Per il momento la pellicola diretta dal regista di Nebraska, Paradiso amaro e Sideways – In viaggio con Jack ha avuto un'accoglienza critica piuttosto buona, ma naturalmente è ancora troppo presto per dire se potrà dire la sua per la vittoria del Leone d'oro o per qualche eventuale altro premio.

 

Scopri i film più attesi del Festival di Venezia 2017

 

Nel corso della conferenza stampa di presentazione, Payne ha parlato del suo ultimo lavoro, sceneggiato insieme al suo storico collaboratore Jim Taylor, dichiarando: “Nonostante le premesse siano da film di fantascienza, pensiamo sia una storia d’amore, che la storia proceda sullo stesso terreno, profondamente umano, che percorriamo da anni, con lo stesso tono e senso dell’umorismo. Poi ci abbiamo lavorato per dieci anni e sicuramente molte cose ci sono finite dentro anche perché il mondo di oggi non è lo stesso di allora. Ci interessava poi dare un sapore internazionale, ci sono personaggi asiatici come norvegesi, vedendo come la vicenda avrebbe echeggiato in giro per il mondo”.

 

Per quanto si tratti di un film di fantascienza ambientalista, il regista ha tenuto precisare che Donald Trump non c'entra: “Come reagiranno Trump e la sua America? Noi facciamo film per tutti”. Sulle stessa lunghezza d'onda il co-sceneggiatore Taylor: “Non vogliamo evitare la politica, ma noi siamo più interessati all’umanesimo”.

 

Durante la conferenza stampa, Matt Damon non ha risparmiato complimenti nei confronti di Payne: “Qualsiasi attore vorrebbe lavorare con Alexander, per lui reciterei anche l’elenco telefonico. [...] Payne è un regista meticoloso, disposto a fare 20-30 ciak, se necessario. Con lui è un compito facile per l’attore, si sa sempre che fare”.

 

In contemporanea all'arrivo in Laguna, è intanto approdato in rete anche il primo teaser della pellicola prodotta da Paramount Pictures e in uscita nei cinema di tutta Italia dal prossimo 21 dicembre. Eccolo.