22 maggio 2018

David Lynch contro le recensioni sui social

Il regista di Mulholland Drive ha dimostrato di non essere un grande fan di nuove tecnlogie e nuovi media

 

Social network sì o social network no? Chi non sembra troppo a favore dei mezzi di comunicazione preferiti dalle nuove generazioni, ma non solo, è David Lynch. Una cosa che non stupisce troppo, a giudicare dalle atmosfere spesso rétro delle sue pellicole e della sua serie TV cult Twin Peaks.

 

Nel corso di un incontro con il pubblico e con i giornalisti che si è tenuto nell'ambito del Festival of Disruption di New York, il visionario regista ha risposto alla domanda di un fan riguardante le recensioni e i commenti alle pellicole condivisi in rete dicendo: “Attualmente finisci di vedere un film e immediatamente hai questa pressione di scrivere la tua opinione in parole”. Lynch ha spiegato che invece secondo lui sarebbe meglio riflettere meglio ed esplorare i temi e gli spunti proposti dalla pellicola, anziché dire la propria opinione a caldo e diffonderla subito attraverso i social, anche perché: “Tranne nel caso in cui voi siate dei poeti, vi mancheranno le parole”.

 

David ha confermato di non essere troppo amante delle nuove tecnologie anche con il divieto durante i suoi interventi pubblici, come quello di New York, di realizzare riprese video, visto che secondo lui limitano l'esperienza dal vivo e non aiutano a migliorare la propria memoria.

 

Lynch non è nemmeno troppo favorevole alla fama e alla popolarità. Al Festival of Disruption ha infatti dichiarato: “Il successo è pericoloso. Il fallimento ti dà libertà, perché non puoi andare da nessuna parte se non migliorare. È un feeling meraviglioso. Il successo è bello, ma il lavoro è lavoro e il successo a volte è quasi un ostacolo”. E allora viva il fallimento!

via GIPHY