14 febbraio 2018

David di Donatello 2018: The Italian Jobs in nomination

Il primo lungometraggio originale di Paramount Channel candidato tra i migliori documentari dell'anno

 

Sono uscite le nomination dei David di Donatello 2018 e a dominarle è Ammore e malavita dei Manetti Bros, che si è aggiudicato ben 15 candidature, seguito da Napoli velata di Ferzan Ozpetek con 11, da La tenerezza di Gianni Amelio, Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli e The Place di Paolo Genovese con 8, e da A Ciambra di Jonas Carpignano e Gatta Cenerentola con 7. C'è però gloria anche per Paramount Channel!

via GIPHY

The Italian Jobs: Paramount Pictures e l'Italia, il primo lungometraggio originale firmato Paramount Channel, si è aggiudicato la candidatura nella categoria di miglior documentario dell'anno. Il film diretto da Marco Spagnoli se la dovrà vedere con Vai piano ma vinci di Alice Filippi, Evviva Giuseppe di Stefano Consiglio, La lucida follia di Marco Ferreri di Anselma Dell'Olio e Saro di Enrico Maria Artale.

 

In attesa di scoprire se ce la farà a ottenere il prestigioso David di Donatello, nella cerimonia che si terrà a Roma il 21 marzo, sarà intanto possibile vedere The Italian Jobs: Paramount Pictures e l'italia qui su Paramount Channel (canale 27 del digitale terrestre) martedì 27 febbraio, in occasione del secondo compleanno del nostro canale, in prima tv assoluta alle ore 23.20.

 

La maniera migliore per scoprire il rapporto unico che lega Paramount Pictures, una delle più importanti case cinematografiche degli Stati Uniti, al nostro Paese, attraverso le preziose testimonianze di grandi protagonisti dell’industria cinematografica italiana come Enrico Lucherini, Felice Laudadio, Roberto Faenza, Tonino Pinto, Claudio Masenza, Gianni Bozzacchi, Don Most, Massimo Cristaldi, Paola Corvino e Franco Mariotti, più la partecipazione di alcuni “story lovers” d’eccezione: Greta Scarano, Andrea Delogu, Francesco Montanari, Francesco di Raimondo e Anna Pavignano. A impreziosire la pellicola è inoltre il voice over affidato ad Adriano Giannini, mentre le voci di Luca Argentero, Stefano Fresi e Greta Scarano sono state scelte per dare vita a estratti di lettere e diari dei protagonisti del documentario.

 

Non perderlo martedì 27 febbraio!