21 luglio 2017

Addio Chester Bennington: il suo contributo al cinema

 

Il cantante dei Linkin Park si è suicidato a 41 anni; lo ricordiamo attraverso le sue canzoni e le sue apparizioni nei film

 

Notizia tremenda per il mondo della musica. Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park, si è tolto la vita. Aveva 41 anni e lascia 6 figli avuti da due donne diverse, oltre a milioni di fan nel mondo.

 

Il gruppo rock statunitense, partito all'inizio tra gli esponenti principali della scena nu metal, ha saputo poi toccare vari altri generi musicali, dall'elettronica all'hip-hop e al pop. La voce potente ed emozionante di Chester si è unita alle rime di Mike Shinoda creando un suono che, soprattutto con i loro primi tre album Hybrid Theory, Meteora e Minutes to Midnight, ha segnato l'adolescenza (e non solo) di molti. Tra le loro hit più celebri, oltre a Crawling, Somewhere I Belong, Breaking the Habit e Numb, impossibile non menzionare il mega successo In the End.

In passato Bennington aveva rivelato di aver pensato al suicidio per via del trauma causato da un uomo che abusò di lui quando era un bambino. Adesso purtroppo il cantante ha compiuto questo estremo gesto e proprio nel giorno della nascita di Chris Cornell, suo grande amico morto pure lui suicida appena poche settimane fa.

Oltre ai Linkin Park, con cui aveva appena pubblicato il nuovo album One More Light, Chester aveva fondato il side project Dead by Sunrise e nel periodo tra il 2013 e il 2015 aveva anche ricoperto il ruolo di cantante degli Stone Temple Pilots rimpiazzando Scott Weiland, morto poi per overdose il 3 dicembre 2015.

 

Al di là della carriera musicale, Bennington ha fatto anche qualche apparizione cinematografica: nell'horror Saw 3D – Il capitolo finale, e negli action movie con Jason Statham Crank e Crank – High Voltage.

Con i Linkin Park ha inoltre contribuito alla colonna sonora di varie pellicole, tra cui ricordiamo soprattutto i brani presenti nei primi tre episodi della saga dei Transformers: What I've Done, New Divide e Iridescent, e la splendida Leave Out All the Rest presente nella soundtrack di Twilight.

 

Ciao Chester, ci mancherai.