28 settembre 2017

Burger King in Russia contro It: fa pubblicità a McDonald's

La catena di fast-food ha chiesto il ritiro dalle sale russe del film horror accusato di concorrenza sleale

 

La Russia contro Pennywise. O meglio, Burger King Russia contro il clown protagonista di It, la versione cinematografica del best seller di Stephen King che sta spopolando nelle sale statunitensi e dal 7 settembre è approdato anche nei cinema russi.

 

Il motivo? Si tratterebbe di concorrenza sleale. Secondo la divisione russa di Burger King, il pagliaccio interpretato dal giovane attore svedese Bill Skarsgård accomiglierebbe un po' troppo alla mascotte di Ronald McDonald's simbolo del McDonald's, la loro catena rivale, “inclusa la gamma di colori e i palloncini con cui seduce i bambini”, come riporta il quotidiano economico russo Vedomosti.

Burger King avrebbe chiesto il ritiro della pellicola dalle sale e l'authority russa a questo punto esaminerà con attenzione il film diretto da Andrés Muschietti. Il vicecapo della Federal Antimonopoly Service (FAS) Andrej Kashevarov ha reso noto: “Non ci interessa il contenuto del film, perché lo scrittore e il regista hanno la loro personale visione creativa di ogni personaggio. Vogliamo solo determinare se c'è davvero pubblicità occulta in violazione della legislazione russa”.

 

La pellicola sta spaventando parecchio l'intera nazione. Ancora prima della sua uscita, era stata la troupe teatrale di clown di San Pietroburgo Komik Trest a chiedere che It non venisse distribuito, perché danneggerebbe e denigrerebbe il loro mestiere. Tutte queste proteste non bastano però ad arrestare il successo del film, che nella sola Russia ha già guadagnato oltre $ 14 milioni, mentre negli Usa è diventato l'horror di maggior incasso di tutti i tempi. Ora non resta che aspettare l'uscita italiana, prevista per il 19 ottobre. Sempre che qualcun altro non abbia qualcosa in contrario.