09 gennaio 2018

Blade Runner 2049: ecco perché Christopher Nolan non l'ha diretto

Il regista di Dunkirk ha spiegato il motivo per cui non ha preso parte al sequel del film di Ridley Scott

 

Alla fine a girarlo in maniera molto efficace è stato Denis Villeneuve, ma Blade Runner 2049 avrebbe potuto anche essere diretto da Christopher Nolan. Il regista di Dunkirk e Inception è da sempre un fan della pellicola originale, diretta nel 1982 da Ridley Scott, che ha avuto un'influenza notevole sul suo cinema e in particolare su Batman Begins.

 

Nolan non ha mai nascosto la sua passione per Blade Runner e in passato ha anche dichiarato di averlo visto oltre un centinaio di volte. Il Los Angeles Times gli ha quindi chiesto come mai non sia stato lui a firmare il remake. Ecco la sua risposta: “Ci sono un sacco di pellicole che stanno su un piedistallo così alto, che sarebbe un rischio tanto elevato il tentare di rifarle, quanto il seguire i loro passi. Devo trovare una maniera per aggirare le cose. Per questo, un film come Interstellar, come direbbero le persone, “dialoga” con 2001: Odissea nello spazio. Devi trovare una tua maniera per dire una cosa”.

 

Christopher Nolan ha inoltre aggiunto che ha apprezzato parecchio il seguito realizzato da Villeneuve: “Blade Runner 2049 è stato un vero piacere. Adoro Denis Villeneuve. Ha accettato con coraggio quella che lui stesso ha definito una missione suicida e ha confezionato un film enorme, di cui mi posso dichiarare fan. Ha fatto un ottimo lavoro. Ce l’hanno fatta ed è una cosa ammirevole”.