24 aprile 2017

Avatar: ecco quando arriveranno i sequel nei cinema

I quattro seguiti della pellicola campione d'incasso usciranno nelle sale tra il 2020 e il 2025

 

Ci sarà da aspettare ancora parecchio per vederli nelle sale cinematografiche, ma se non altro finalmente abbiamo delle date ufficiali. Sta per iniziare la produzione dei quattro sequel di Avatar, che arriveranno a cavallo tra il 2020 e il 2025.

 

Il primo seguito della pellicola di maggiore incasso nella storia del box-office mondiale approderà nei cinema, se non altro quelli statunitensi, il 18 dicembre del 2020. A distanza di un anno sarà quindi il turno di Avatar 3, previsto per il dicembre 2021. Avatar 4 e Avatar 5 saranno invece nelle sale nel dicembre 2024 e nel dicembre 2025. C'è ancora tempo, molto tempo, però intanto è meglio cominciare a segnare le date sul calendario degli appuntamenti cinematografici più attesi del prossimo decennio.

 

James Cameron inizialmente (e ottimisticamente) sperava di poter fare uscire il primo sequel già nel 2018, ma i tempi si sono poi dilungati. Il regista ha comunque espresso tutto il suo entusiasmo per l'ormai imminente inizio della lavorazione: “È fantastico lavorare con il miglior team dell'industria! Avatar inizia a prendere il volo con le produzioni dei quattro sequel! Queste date d'uscita così vicine tra di loro dovrebbero farvi capire che non stiamo girando solo un film, ma tutti insieme! È un qualcosa di immenso e di mai fatto prima!”.

 

Un progetto ambizioso, che lo terrà impegnato per i prossimi otto anni: “Sarò immerso nel mondo di Avatar fino al 2025! Non è irragionevole come tempo, del resto ci abbiamo messo quasi cinque anni a fare il primo e adesso in soli otto dobbiamo realizzare tutti i seguiti! Si lavorerà ventiquattro ore al giorno per sette giorni della settimana. I disegni delle creature e dei set sono ad ottimo punto, è tutto molto eccitante. Vorrei condividere ogni cosa con il mondo, ma dobbiamo conservare il mistero! Apriremo le tende quando sarà tutto pronto, al momento giusto.

 

L'attesa verrà ripagata?