16 ottobre 2017

Asia Argento: a 16 anni un regista italiano mi ha molestata

Prosegue lo scandalo sessuale che sta scuotendo le fondamenta di Hollywood, e del mondo del cinema in generale. Dopo le accuse nei confronti di Harvey Weinstein, Asia Argento ha rivelato di essere stata molestata anche da un regista italiano.

L'attrice 42enne ha raccontato il terribile episodio di molestie su Twitter: “#quellavoltache un regista/attore italiano tirò fuori il suo pene quando avevo 16 anni nella sue roulotte mentre parlavamo del "personaggio”.



Sempre su Twitter, la figlia del regista di Profondo rosso Dario Argento ha parlato di un altro brutto caso che l'ha vista coinvolta: “#quellavoltache Hollywood big shot director with Napoleon complex gave me GHB and raped me unconscious, I was 26 years old #BalancetonPorc”.

Per il momento Asia non ha fatto i nomi dei due registi accusati, ma possiamo aspettarci che possa svelarli nelle prossime ore, visto che, come ha dichiarato in una nuova intervista a La Stampa: “Questo è il momento di parlare, non di minimizzare”.

Al quotidiano torinese l'attrice ha inoltre detto: “La cosa più sconvolgente sono le accuse delle donne italiane, la criminalizzazione delle vittime delle violenze. Non ho ricevuto nessuna critica per il mio comportamento in nessun altro Paese. Ci sono amici che mi mandano articoli usciti in tutto il mondo, in cui nessuno si permette di fare 'victim blaming', di colpevolizzare le vittime. Nessuno all’estero. Guardi invece che cosa stanno facendo in Italia contro noi vittime. Se avessi detto vent’anni fa quello che ho detto oggi, probabilmente non mi sarei più ripresa. Sarei caduta in depressione. […] Io mi sono opposta dieci, cento, mille volte a Harvey Weinstein. Mi ha mangiata. Un orco in mezzo alle gambe è un trauma. Io ero una ragazzina. Questa è una cosa che ricordo ancora oggi. Una visione che mi perseguita. Non c’è bisogno di legare le donne, come dice qualcuno, perché ci sia violenza”.