08 febbraio 2019

Albert Finney addio: è morto l'attore di Erin Brockovich, Big Fish e Tom Jones

Se n'è andato all'età di 82 anni l'interprete di Poirot ne Assassinio sull'Orient Express

 

Grande attore shakespeariano, interprete cinematografico sopraffino, all'occorrenza caratterista di classe. Ci ha lasciati a 82 anni Albert Finney.

 

Bravissimo e anche sottovalutato attore britannico, per cinque volte Finney è stato candidato agli Oscar e purtroppo in nessuna occasione è mai riuscito a portare a casa l'ambita statuetta.

 

La sua carriera è iniziata a teatro, dove si è segnalato come più che degno sostituto di Laurence Olivier in numerosi lavori tratti da Shakeaspeare. Il primo ruolo cinematografico a farlo notare è invece stato in Tom Jones, pellicola diretta da Tony Richardson nel 1963 tratta dal celebre romanzo omonimo scritto da Henry Fielding, che gli valse la sua prima nomination come miglior attore ai premi Oscar.

 

Tra i suoi altri titoli più celebri vi sono poi Due per la strada con Audrey Hepburn, il classico Assassinio sull'Orient-Express del 1974, in cui ha ricoperto il ruolo del detective Poirot, e poi ancora Sotto il vulcano di John Huston, Un ostaggio di riguardo di Alan J. Pakula e I ricordi di Abbey di Mike Figgis.

 

Negli ultimi due decenni, il suo volto è diventato molto celebre anche al pubblico più giovane grazie alle sue memorabili performance in Erin Brockovich - Forte come la verità di Steven Soderbergh, Big Fish - Le storie di una vita incredibile di Tim Burton, Un'ottima annata di Ridley Scott e Onora il padre e la madre di Sidney Lumet. Da ricordare inoltre le sue partecipazioni alla saga di Jason Bourne, in The Bourne Ultimatum - Il ritorno dello sciacallo e The Bourne Legacy, e a quella di James Bond, in Skyfall.

 

Non avrà mai vinto l'Oscar, però che carriera e che interpretazioni.

 

PH: Getty Images