04 febbraio 2019

Adam Levine a torso nudo al Super Bowl: scoppia il caso

In molti si stanno chiedendo: perché i capezzoli del cantante dei Maroon 5 sì e quelli di Janet Jackson nel 2004 no?

 

La notte del Super Bowl ha incoronato soprattutto un grande protagonista. No, non ci riferiamo a un campione di football americano, bensì ad Adam Levine, il cantante dei Maroon 5.

via GIPHY

Sul campo, la partita ha visto un nuovo trionfo dei New England Patriots di Tom Brady, capaci di superare i Los Angeles Rams per 13 – 3. I motivi di maggiore interesse, almeno per i meno appassionati di NFL, sono però arrivati durante il tradizionale intermezzo musicale, quest'anno affidato ai Maroon 5.

 

Il gruppo californiano ha interpretato una scaletta di suoi successi: Harder to Breathe, This Love, Girls Like You, She Will Be Loved, Sugar e Moves Like Jagger. Il tutto con in più la partecipazione dei rapper Travis Scott, che ha proposto la sua hit Sicko Mode, e Big Boi degli Outkast, presente con The Way You Move.

 

Sulle note di Moves Like Jagger, Adam Levine si è esibito a torso nudo. La mossa del cantante di togliersi la canotta ha scatenato l'entusiasmo dei suoi fan e ancor di più delle sue fan, certo, ma ha anche provocato una polemica.

 

Il motivo? Al Super Bowl 2004 un malfunzionamento nel guardaroba aveva lasciato scoperto il seno di Janet Jackson, cosa che fece nascere il cosiddetto “nipplegate”. La Jackson 15 anni fa venne fortemente criticata e fu costretta a scusarsi, quest'anno invece Adam non ha avuto alcun problema. In molti adesso si stanno domandando: i capezzoli non sono tutti uguali? Perché Adam sì e Janet no?

 

Qui di seguito puoi dare un'occhiata all'intermezzo musicale completo del Super Bowl 2019.

 

PH: Getty Images